Mentre tutti sono attenti a domandarsi di nuove forme di vita intelligenti, pianeti lontani e altre realtà sconosciute, c’è chi ha sguardo e pensiero fisso sulle profondità marine, su quell’abisso che ha casa giusto al di sotto delle nostre onde, misterioso e inarrivabile proprio quanto gli enigmi che abitano i cieli. Il cuore bagnato della Terra non ha ancora nome, qualcuno lo chiama mare, altri oceano, pochi sono quelli che ne conoscono le architetture dei fondali, le pareti scoscese che portano dritte a un cosmo salato e in continuo movimento.

Ma c’è chi ha nuotato fra quelle acque, chi ha mosso quell’universo liquido attrezzato solo con un costume e un paio di occhi, pronto a registrarne la natura primordiale e incerta, la flora che ha germogliato nonostante un sole assente e una luce impossibile da decifrare. Lì, ha riscoperto le forme fiorite della superficie, le piante che per abitudine nascono dalle distese che l’uomo ha addomesticato e dolcemente trasformato secondo griglie e prospettive dell’intelletto.

Tornato all’aria aperta dal suo viaggio onirico, il nostro esploratore sottomarino si è accorto che il rapido movimento delle gambe aveva trascinato con sé tutti i frutti di quella rapida pesca notturna: peperoncini, pomodorini e capperi, fantasie impigliate fra le sottilissime maglie di un tessuto tecnico che svelava una mano cotoniera e inaspettatamente artigianale.

Dev’essere stato questo il racconto che nasconde la genesi della prima splendida collezione firmata Costumi di Sicilia, brand che si affaccia all’estate 2016 con una linea di capi in grado di donare nuovi significati al mero accessorio da mare, fondendo i principi operativi del Made in Italy con un gusto per la decorazione pittorica al confine fra folklore e design.

Se i motivi vegetali, disegnati attraverso la tradizionale stampa a cilindro per donare maggiore profondità e intensità agli accostamenti cromatici, ci parlano senza mezzi termini dell’origine insulare alla base del progetto, è l’intera penisola italiana, invece, a essere chiamata in causa nel processo produttivo di ogni costume: i tessuti, accuratamente scelti fra i migliori esempi che un territorio come la Lombardia è capace di regalare, vengono poi lavorati a Lecce per essere, infine, rinchiusi in preziose confezioni dal sapore etnico e genuinamente siculo.

Costumi di Sicilia all’interno di Full, via Lambro 11, Milano

È così che Costumi di Sicilia sembra indicarci la sua personale via per un’eleganza discreta e mai scontata, in grado di ostentare solo un gusto che scansa le tendenze per farsi chiaro esempio di stile. Una passione per i dettagli che non va mai in vacanza e ama farsi strada fra le passerelle di sabbia che attraversano i chilometri d’estate con passo leggero e fresco.